Si impicca dopo aver ricevuto una lettera del datore di lavoro: non era stato licenziato

La precisazione arriva direttamente dall'azienda.

Si impicca dopo aver ricevuto una lettera del datore di lavoro: non era stato licenziato
07 Dicembre 2019 ore 07:46

Si impicca dopo aver ricevuto una lettera del datore di lavoro: non era stato licenziato. La precisazione arriva direttamente dall’azienda.

Si impicca dopo aver ricevuto una lettera del datore di lavoro

Nei boschi di Buttigliera Alta giovedì 5 dicembre 2019 è stato ritrovato il cadavere di un uomo. Il corpo era appeso a penzoloni ad un albero. L’albero che aveva scelto per togliersi la vita. In un primo momento era stato affermato che il 65enne, residente a Rivoli, lo avesse fatto perché licenziato dalla sua azienda. Ma non era così.

LEGGI ANCHE: Si impicca dopo esser stato licenziato

Non era stato licenziato

L’azienda, immediatamente dopo la scoperta del cadavere, ha spiegato che non si trattava di un licenziamento bensì di una lettera di contestazione. L’uomo avrebbe dovuto dare delle motivazioni, per alcuni comportamenti che aveva messo in essere, all’azienda.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei