EMERGENZA

Tromba d'aria su Crescentino e Chivassese, avviate le procedure per lo stato di calamità

Strade allagate, gazebo distrutti, tetti scoperchiati e auto con seri danni.

Tromba d'aria su Crescentino e Chivassese, avviate le procedure per lo stato di calamità
Cronaca Vercellese, 08 Luglio 2021 ore 09:00

Tromba d'aria su Crescentino e Chivassese nel tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 7 luglio 2021. La Regione Piemonte e Alberto Cirio hanno avviate le procedure per lo stato di calamità.

Tromba d'aria su Crescentino e Chivassese

Una tromba d’aria a Verolengo e nelle sue frazioni con epicentro dei danni a Crescentino e San Sebastiano Po ha danneggiato case, strutture aziendali, serre e colture. Erano le 17 di ieri, mercoledì 7 luglio quando il maltempo, proprio come quattro anni prima, si è abbattuto il territorio provocando seri danni.

Crescentino una città irriconoscibile: strade allagate, gazebo distrutti, tetti scoperchiati e auto con seri danni. Il sottopasso che porta da frazione Galli all'ex Teksid, oggi Versalis Eni, è stato chiuso perché allagato. Tutto è accaduto nell'arco di circa un'ora.

Danni anche per moltissime attività della città come spiegano sui social network i commercianti:

Il primo cittadino Vittorio Ferrero si  subito adoperato insieme alla sua squadra per aiutare chi ne aveva più bisogno. Sui social, infatti, ha scritto:

Sempre Ferrero ha poi voluto ringraziare tutti coloro che in pochi minuti si sono messi al servizio della sua comunità:

Alla fine di questo pomeriggio voglio ringraziare di vero cuore tutta la meravigliosa squadra di Crescentino composta dai dipendenti comunali, dalla Polizia municipale, dai Volontari della Protezione Civile e dai Volontari della Croce Rossa che fin da subito si sono messi a disposizione per affrontare l’emergenza. Sapere di poter contare su persone così da sicurezza quando si affrontano situazioni difficili. Grazie

Danni a San Sebastiano

Anche a San Sebastiano, comune della collina chivassese, si sono registrati ingenti danni sia alle strutture private che a quelle pubbliche. Basta guardare le immagini per comprendere come il maltempo abbia distrutto anni di lavoro e di fatiche.

9 foto Sfoglia la gallery

Danni all'agricoltura

Come spiega Coldiretti in un suo scritto:

I danni all’agricoltura sono ingenti. Devastati i campi di mais a maturazione cerosa, pronti per l’insilamento. Allettati i grani già maturi, ma ancora da trebbiare. Il maltempo ha cagionato danni anche ai campi di soia e girasole. Tanti i pioppi falciati.
La Regione Piemonte e Alberto Cirio hanno già avviato le procedure per lo stato di calamità.

25 foto Sfoglia la gallery

L'allarme della Protezione civile

Il maltempo che si è abbattuto su Crescentino, ha poi interessato anche il Monferrato come spiega la Protezione civile in un suo post: