Il Festival della Scienza parte dalla “libertà nella società digitale”

Ospite d'onore Antonello Soro, presidente dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali

Il Festival della Scienza parte dalla “libertà nella società digitale”
15 Ottobre 2016 ore 21:02

Ospite d’onore Antonello Soro, presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali

La quarta edizione del Festival dell’Innovazione e della Scienza di Settimo è iniziato nel pomeriggio di oggi, venerdì 15 ottobre, con un ospite di eccezione. Si tratta di Antonello Soro, presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali che con la giornalista e “garante dei lettori” del quotidiano torinese La Stampa sta dialogando della sicurezza ai tempi dell’attuale società digitale. Introdotti e moderati dal giornalista e blogger Enrico Sola, i due ospiti hanno affrontato temi importanti quali educazione all’uso di internet. “La prima regola della carta di internet è il diritto all’accesso – spiega Anna Masera -, in Italia le istituzioni devono darci internet, ma devono darci anche la possibilità di usarlo al meglio. Dobbiamo conoscere le regole di un mondo di cui siamo consumatori passivi e inconsapevoli, al centro bisogna mettere le persone, la loro identità e il loro diritto ad essere sempre liberi di scegliere”. 

Al centro del dibattito ci sono quindi le tante, e straordinarie, potenzialità che offre oggi il mondo del web all’interno del quale si nascondono tutta una serie di insidie che minano quotidianamente la sicurezza dei dati personali degli utenti e, in particolar modo, la libertà di fruizione dei contenuti. 

Diritto all’oblio, diritto alla precisazione e anche a cancellare una notizia, tra i punti affrontati da Antonello Soro. “Il diritto all’oblio, è riferito, alla richiesta che viene rivolta al motore di ricerca o all’editore, di interrompere il link tra un nome e l’articolo che, in una certa data, è stato indicizzato dai motori di ricerca. Il ljink può essere rimosso se sussistono una serie di presupposti”. 

La prima giornata di Festival, dopo l’incontro del pomeriggio in sala Levi, continuerà al Cinema Massimo di Torino dove si terrà un importante appuntamento in collaborazione con il Museo del Cinema di Torino. Si tratta di una importante sperimentazione di sonorizzazione “live” durante la proiezione di alcuni spezzoni di film muti grazie alla partecipazione attiva della band “Calibro 35” che si cimenteranno nell’impresa. I film al centro della serata saranno Viaggio nella Luna (del 1902), Viaggio attraverso l’impossibile (1904) di Georgers Mèliés e Parigi che dorme (1924) di René Clair. La serata avrà inizio alle 21, il biglietto di ingresso costa 10 Euro.  

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità