Menu
Cerca
CRESCENTINO

Il Maestro lascia la Banda: scoppia il caso

Una decisione, come spiega la presidente Zanero «dettata da divergenze tra il nostro direttivo e lui».

Il Maestro lascia la Banda: scoppia il caso
Cultura Vercellese, 20 Febbraio 2021 ore 05:50

Il Maestro Rino Messineo decide di rassegnare le dimissioni da maestro della Banda «Luigi Arditi» di Crescentino. Una decisione, come spiega la presidente Zanero «dettata da divergenze tra il nostro direttivo e il maestro».

Il Maestro lascia la Banda

Era dicembre 2012 quando per la prima volta, sul palco del teatro «Cinico Angelini» la banda musicale «Luigi Arditi» suonava diretta dal Maestro Rino Messineo. La sua prima uscita pubblica, infatti, con la celebre filarmonica cittadina era stata proprio una delle occasioni più importanti dell’anno: il Concerto di Natale.
Di fronte ad un pubblico numeroso, la banda aveva iniziato questa splendida avventura.
Un’ottima collaborazione che nel corso degli anni ha visto Messineo collaborare anche alla realizzazione della prima scuola di «Educazione musicale» di Crescentino. Un progetto nel quale il gruppo guidato da Orsolina Zanero credeva fermamente.
E così, da dicembre 2012 sono trascorsi otto anni. Otto anni di manifestazioni ed eventi, di momenti di gioia e allegria.
Insomma, sembrava che tra la Banda e il suo maestro fosse un idillio. Ma così non è stato perché è stato proprio quest’ultimo a decidere di rassegnare le dimissioni da maestro della Banda «Luigi Arditi».

Le parole di Zanero

Una decisione, come spiega la presidente Zanero:

«dettata da divergenze tra il nostro direttivo e il maestro. Posso dire che per noi del direttivo ognuno è libero di fare le proprie scelte e accettiamo la sua decisione di lasciare il gruppo.
Noi siamo già alla ricerca di un nuovo maestro, certamente non fermeremo le nostre attività. Anzi, proseguiremo con i nostri impegni non appena il Covid ci permetterà di tornare a suonare, di torna re a fare le prove insieme».

Messineo non commenta

Dal canto suo Messineo non commenta questa scelta che ha motivato in una comunicazione che ha consegnato sia al Consiglio direttivo della Banda «Arditi» sia in Municipio a Crescentino.

Il sindaco interviene

Ed infatti il sindaco Vittorio Ferrero è informato della situazione che ha coinvolto la filarmonica e commenta:

«Ho appreso con stupore delle dimissioni di Messineo ma non entro nel merito della vicenda. Quello che mi auguro è che le fratture nate si possano ricomporre così da proseguire l’attività.
Io, come sempre, do massima disponibilità e collaborazione alla Banda “Luigi Arditi”».

Ma di fronte a questa situazione il direttivo non si perde d’animo e, come detto dalla loro guida, è già alla cerca di un sostituto perché la Banda Luigi Arditi, che ha spento le sue prime 100 candeline nel 2007 non ha alcuna intenzione di cessare la sua attività, anzi non vede l’ora di poter riprendere al più presto per regalare momenti musicali alla sua comunità.