Menu
Cerca
verolengo

Raccoglie e sistema pc e tablet per donarli ai meno abbienti

La bella iniziativa di Armando Russo.

Raccoglie e sistema pc e tablet per donarli ai meno abbienti
Economia Chivasso, 09 Gennaio 2021 ore 08:09

Il ritorno sui banchi di scuola per gli studenti delle medie (tranne il primo anno) e per quelli delle scuole superiori sembra ancora un’ipotesi molto lontana. Le lezioni in presenza con tutti gli alunni non è ancora possibile. E’ proprio da questa situazione che Armando Russo, imprenditore verolenghese, ha deciso di mettersi al servizio della comunità.

Raccoglie e sistema pc e tablet per donarli ai meno abbienti

Il ritorno sui banchi di scuola per gli studenti delle medie (tranne il primo anno) e per quelli delle scuole superiori sembra ancora un’ipotesi molto lontana. Le lezioni in presenza con tutti gli alunni non è ancora possibile. E’ proprio da questa situazione che Armando Russo, imprenditore verolenghese, ha deciso di mettersi al servizio della comunità.
«La DaD e lo smartworking sono due strumenti che stando alle parole del Governo non smetteranno di esistere in questo nuovo anno – spiega Russo – Molti studenti dovranno continuare a seguire le lezioni dalla propria abitazione e così anche molti lavoratori. Dunque cresce la necessità di avere gli strumenti tecnologici adeguati affinché si possa garantire la presenza nella scuola e lavoro virtuale. Strumenti che creano però non poche difficoltà alle famiglie del nostro territorio perché non tutti hanno le possibilità di avere pc o tablet per tutti in famiglia. Ecco che nasce la mia idea di recuperare computer e tablet che le persone non utilizzano più e donarle a chi ha più bisogno. Proprio per questo motivo lancio un appello a coloro che sono in possesso di questi strumenti: se ne avete e volete metterli a disposizione di altri, anche se hanno dei problemi, consegnatemeli. Io presterò la mia opera gratuitamente per sistemarli e rigenerarli. Una volta che saranno operativi li consegnerò al Comune di Verolengo e alla Protezione civile affinché possano consegnarli a chi, appunto, ne ha carenza».

Come contattarlo

Si tratta di un grande gesto di solidarietà. Chi volesse aderire può contattare Russo al numero 340/9570459.