Economia
Sponsorizzato

Vendere e comprare casa? È il momento giusto

L’analisi di Alessandro Tonon e Mattia Pietrosino, titolari delle agenzie Tecnocasa di Crescentino e Cigliano

Vendere e comprare casa? È il momento giusto
Economia 06 Dicembre 2021 ore 07:25

È il momento giusto per vendere e comprare casa. La pandemia di Covid-19 e soprattutto il primo lockdown della primavera 2020 hanno stravolto la domanda di abitazioni. Per comprendere il polso della situazione ci siamo rivolti a due professionisti del settore, ovvero ad Alessandro Tonon e a Mattia Pietrosino, agenti immobiliari Tecnocasa e rispettivamente titolari dell’agenzia di Crescentino e di Cigliano.

"A subire delle modifiche è stata la nostra mentalità - hanno spiegato - tante persone hanno capito che la casa è importante, rimanendoci rinchiusi dentro per lunghe settimane ci si è focalizzati su pregi e difetti dei nostri immobili".

Vendere e comprare casa? È il momento giusto

Di conseguenza il mercato immobiliare è cambiato: "A partire dall’inizio di maggio dell’anno scorso stiamo assistendo ad un crescente interesse per la campagna vercellese e la collina. Ciò vale dunque per i comuni di Verrua Savoia, Gabiano, per le frazioni intorno a Crescentino, ma anche per Cigliano, Livorno Ferraris, Moncrivello e Borgo d’Ale. Tale rinnovata attenzione è accompagnata da una maggiore richiesta di case indipendenti, con una bella visuale, non affacciate su altre costruzioni, con spazi esterni, magazzini, tettoie e tutti quegli accessori agli immobili che in precedenza venivano scartati per un’eccessiva metratura".

L’avvento della pandemia ha modificato le carte in tavola…

Il lockdown ci ha educato ad un utilizzo più intelligente dell’immobile: la chiusura forzata in casa ha evidenziato gli spazi che mancavano, ovvero uno studio per coltivare i propri hobby o per dedicarsi allo smartworking, così come spazi esterni da vivere. E la richiesta di immobili con queste caratteristiche è aumentata tantissimo. Ciò ha definito un aumento del valore di tali abitazioni, di circa il 20-30%, ma c’è un altro aspetto interessante da considerare: l’avvento del Superbonus per la riqualificazione energetica ha dato una grossa mano al settore. Infatti tante persone hanno cambiato approccio, andando ad acquistare immobili per poi ristrutturarli. Così facendo si dà nuova linfa vitale a paesi che in precedenza erano costellati di ruderi, dando origine ad una riqualificazione anche estetica.

A fronte di tale rivoluzione, qual è il vostro ruolo? 

Intuire le dinamiche del mercato e cercare di indirizzare i clienti nelle direzioni giuste. Siamo alla continua ricerca di clienti che si vogliono affidare non semplicemente ad un venditore di case, ma a persone qualificate che conoscono quali richieste funzionano, quali sono i tagli di immobili più gettonati, quali possono rendere e in che modo, come posizionarli e con che tempistiche. E ciò vale per qualsiasi tipologia di immobile. Con Tecnocasa siamo anche in grado di spostare il capitale, la forza della rete ci permette di vendere in Piemonte e poi acquistare in Liguria, o viceversa. Insomma, affidandosi a noi è possibile spaziare a 360° nel mondo immobiliare, in estrema sicurezza.

Anche il vostro modus operandi è cambiato

Sì, anche il nostro modo di operare ha subito delle modifiche: le famiglie che vivono più "strette" sono incentivate a comprare qualcosa di più grande. Di sicuro è cambiato anche il rapporto con gli strumenti digitali: durante il primo lockdown abbiamo fatto totale affidamento ai mezzi informatici, riuscendo anche ad effettuare delle compravendite facendo visitare virtualmente l’immobile. E di conseguenza abbiamo investito sulle novità che il mondo digital ci ha messo a disposizione.

I dati parlano chiaro: il mercato è in salute

In Piemonte, secondo il Borsino Immobiliare, nel secondo trimestre 2021 le compravendite sono cresciute del 70% rispetto allo stesso periodo del 2020. D’accordo il lockdown dello scorso anno, ma si tratta di dati importanti. Il mercato si sta accorgendo che parecchi immobili sono in vendita a un prezzo troppo alto e ora si stanno adeguando: in sostanza la situazione si sta normalizzando, c’è un ritorno alle compravendite a prezzi adeguati e ciò favorisce il mercato. C’è anche un altro aspetto da valutare: l’incertezza economica ha spinto ad investire su piccoli alloggi, oggi messi a reddito. E tantissimi appartamenti locati sono stati venduti. 

Perché vendere proprio ora la propria abitazione? 

Il mercato non è in crisi e non è vero che non dà più ciò che dava una volta, semplicemente la richiesta è variata. Attualmente ci troviamo nel momento migliore per vendere la propria abitazione. Oggi vendere un immobile significa cercare una nuova stabilità personale e famigliare, un rinnovato punto di vista della vita. Non è il momento di farsi spaventare, le possibilità ci sono. E pensiamo per esempio alle case indipendenti ristrutturate. Attenzione, l’offerta sul mercato è molto grande: significa che bisogna fare i conti con tempi di vendita piuttosto lunghi, mediamente dai 6 agli 8 mesi. Questo succede perché prima che il cliente identifichi l’immobile ne vede parecchi, a differenza di quanto avveniva in passato.

Quali sono gli immobili più apprezzati?

Oggi sono particolarmente apprezzate le case indipendenti: si tratta di ville, cascine o comunque case senza servitù di passaggio nei confronti di altri. Sono ricercate una sala grande, open space, con un bagno al piano terra e con tre o quattro camere, di cui una da dedicare al lavoro o allo studio. Molto richiesta anche la villetta su un unico piano, che spinge ad una ulteriore riflessione: vediamo molte ricerche di questa tipologia riferite a persone tra i 50 e i 60 anni che hanno sempre vissuto in appartamento. I box auto oggi sono essenziali, così come le cantine e spazi da destinare come ripostiglio. Infine ecco cucine ampie, da vivere, ma anche giardini e terrazzi, sempre più apprezzati, così come i cortili.

 

Informazione Pubblicitaria

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter