VEROLENGO

Il Comune spende 12 mila euro per le illuminazioni natalizie: è polemica

L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Borasio quest’anno ha deciso di aumentare le installazioni nel capoluogo.

Il Comune spende 12 mila euro per le illuminazioni natalizie: è polemica
Politica Chivasso, 02 Gennaio 2021 ore 08:32

L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Borasio quest’anno ha deciso di regalare un Natale più luminoso alla sua popolazione del capoluogo. Scoppia la polemica.

Un Natale più luminoso

L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Borasio quest’anno ha deciso di regalare un Natale più luminoso alla sua popolazione del capoluogo. E proprio a questo scopo che i tecnici hanno provveduto ad affittare un favoloso albero di Natale in materiale sintetico e alto 6 metri che è stato posizionato in piazza IV Novembre e acceso durante la piccola iniziativa «Accendiamo il Natale» martedì 8 dicembre. Un albero costato alle casse del Comune 9150,54 euro. Inoltre, sempre l’Amministrazione ha deciso di implementare le luminare del centro affittandole da una ditta novarese per la somma di 2928 euro.

Scoppia la polemica

Una scelta, quella dell’Amministrazione Borasio, che non condivide il consigliere d’opposizione Roberto Cattozzi che spiega: «Ho visto le due determine pubblicate all’albo pretorio, sia quella dell’albero di Natale che quella delle luminarie. Indubbiamente quest’anno hanno fatto le cose in grande, soprattutto con l’affitto dell’abete che non può non essere definito bello. Ma dal mio punto di vista avrebbero potuto anche spendere un po’ meno per un albero di Natale, in affitto. Ma quello che mi sconcerta maggiormente, loro sono liberi di dirmi che è una scelta loro e che l’hanno adottata io però la critico ugualmente, è quella di aver optato per l’affitto delle luminarie e non per il loro acquisto. Certo per quasi 3 mila euro ne avranno affittate molte di più rispetto a quelle che avrebbero potuto comprare, però questa somma ogni anno, o meglio ad ogni evento, deve essere rispesa per abbellire il paese. Se loro avessero fatto come quando eravamo noi alla guida del paese, cioè prevederne l’acquisto il Comune ne avrebbe avuto un beneficio, a posto di un dispendio di soldi ripetuto nel tempo. Non riesco veramente a comprendere il filo logico che li ha spinti a questo ragionamento.
Ma c’è un altro aspetto che molto mi disturba: il fatto che le frazioni siano state dimenticate. Non c’è un addobbo che provenga dal Comune. Ancora una volta se non ci avesse pensato la comunità, nelle frazioni quest’atmosfera natalizia sarebbe assente. Dunque perché non ricordarsi delle frazioni ogni tanto?».
Ma Cattozzi di fronte a questa spesa, spende anche un altro pensiero: «Quando nel corso del primo lockdown hanno deciso di togliere il contributo di mille euro alla Pro Loco, sembrava che mille euro potessero cambiare le sorti del nostro Comune. Oggi invece ne spendono poco più di 12 mila euro per addobbare il centro di Verolengo: è cambiato qualcosa nel bilancio del nostro paese? Se si allora si potrebbe fare molto di più per tutta la comunità, non sono per chi abita in centro».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità