LA MANIFESTAZIONE

Mascherine tricolori in piazza a Torino

Si oppongono alle misure insufficienti del governo Conte e alle restrizioni del lockdown.

Mascherine tricolori in piazza a Torino
Torino, 17 Maggio 2020 ore 10:18

Sono tornate in piazza anche questo sabato – il terzo di fila – le mascherine tricolori per ribadire la loro opposizione alle misure insufficienti del governo Conte e alle restrizioni del lockdown.

Mascherine tricolori in piazza a Torino

Sono tornate in piazza anche questo sabato – il terzo di fila – le mascherine tricolori per ribadire la loro opposizione alle misure insufficienti del governo Conte e alle restrizioni del lockdown. In 80 città italiane, da Nord a Sud isole comprese, in città come Torino, Milano, Trento, Verona, Trieste, Parma, Firenze, Ancona, Roma, Napoli, Bari, Lecce, Cagliari e Palermo e molte altre, migliaia di italiani hanno manifestato mantenendo le distanze di sicurezza, indossando le mascherine tricolori ma urlando il loro atto d’accuso contro questo governo. A Roma la protesta è partita da piazza del Popolo, poi centinaia di cittadini si sono diretti sotto palazzo Chigi, continuando poi la loro protesta per le vie del centro della Capitale. In via dei Due Macelli le forze dell’ordine li hanno bloccati e hanno identificato alcune decine di persone, impedendo ai partecipanti anche semplicemente di poter tornare a casa.

La protesta

“Dopo più di due mesi di quarantena abbiamo visto solo annunci – si afferma nelle piazze delle Mascherine tricolori. – Dov’è la tanto sbandierata “potenza di fuoco”? Qui non si vedono rilanci, ma solo ritardi. Nel suo ennesimo show serale Giuseppe Conte ha annunciato una serie di misure del tutto insufficienti. Solo promesse che non potranno essere mantenute. Dove sono i soldi della cassa integrazione in deroga? Perché centinaia di migliaia di lavoratori autonomi ancora non hanno avuto i 600 euro? Dei soldi in banca per imprese e commercianti neanche l’ombra! E i soldi a fondo perduto? Ammesso che arriveranno saranno pochi e in ritardo!”

“Quali sono le priorità di questo governo? – continuano gli organizzatori- Vedere un ministro che si commuove per la regolarizzazione di 600 mila immigrati, quando milioni di italiani rischiano di finire disoccupati e in povertà è una vergogna! Quale sarà il nostro futuro? Perché non si è fatto cenno ai fondi per far ripartire la scuola, alla strategia per garantire in futuro una vera istruzione ai nostri figli? Perché si vuole prolungare lo stato di emergenza per altri sei mesi?! Forse a qualcuno la dittatura sanitaria fa comodo? Limitare la libertà di movimento o di manifestare, multare chi va in spiaggia o chi osa criticare il governo con una protesta pacifica diventerà forse la norma?”

“Noi non siamo disposti ad abbassare la testa! – concludono – Voi avete deciso che l’Italia deve fallire, che l’Italia deve uscire in ginocchio da questa crisi. Qualcuno vuole milioni di disoccupati e milioni di imprenditori falliti, milioni di famiglie alla fame. Non lo consentiremo. Noi combatteremo per difendere il futuro dell’Italia. La parola deve tornare al popolo, questo governo deve andare a casa! Nonostante la repressione e i divieti, noi manifesteremo.
E’ un nostro diritto, ma soprattutto è un nostro dovere. Ribellarsi oggi significa amare la nostra Nazione. Perché la mascherina non è un bavaglio.”

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità