DA ROMA

Sostegni bis, Giacometto: "Aiuti alle Partita Iva attive dal 2019"

"Bene disponibilità Governo".

Sostegni bis, Giacometto: "Aiuti alle Partita Iva attive dal 2019"
Politica Chivasso, 13 Maggio 2021 ore 09:43

Sostegni bis, i deputati Claudia Porchietto e Carlo Giacometto di Forza Italia chiedono che si includano anche le Partite Iva aperte nel 2018 ma attive dal 2019: "Bene disponibilità Governo".

"Aiuti alle Partita Iva attive dal 2019"

In una nota congiunta i Deputati di Forza Italia On. Claudia Porchietto e On. Carlo Giacometto, componenti della Commissione Finanze della Camera dei Deputati spiegano:

“Abbiamo sin dall’inizio della pandemia chiesto un’attenzione particolare per le partite IVA, molte delle quali si sono ritrovate ingiustamente escluse dagli aiuti economici previsti nel corso del 2020. Oggi in vista del decreto sostegni bis, che a giorni sarà adottato e inviato al Parlamento, abbiamo sollecitato il Governo affinché sia garantito l’accesso ai contributi dello Stato per chi ha visto ridurre drasticamente le proprie entrate anche ai soggetti che hanno effettivamente avviato la propria attività dopo il mese di aprile 2019, pur avendo attivato la Partita IVA già nel corso del 2018. È opportuno, infatti, che per definire correttamente la platea dei beneficiari e l'entità dell'intervento statale si faccia riferimento all’inizio vero e proprio dell'attività imprenditoriale, come risultante dal Registro delle imprese tenuto presso la Camera di Commercio. Un intervento semplice ma significativo che consente di comprendere fra i legittimi destinatari dei ristori e dei sostegni quegli imprenditori che ne avrebbero pieno diritto ma si sono trovati in questa terra di mezzo, per il puro tecnicismo burocratico della non coincidenza tra la data di apertura partiva IVA e la data di avvio attività. Ci sono stati segnalati molti di questi casi, a partire da quel mondo della ristorazione che più di altri comparti ha pagato il conto delle chiusure. Lo stesso dicasi per quegli imprenditori che nel 2019 hanno chiuso l’attività per ristrutturazione o trasferimento e che si sono visti decurtare il sostegno in quanto le perdite sono state rapportate a 12 mesi e non ai mesi di effettiva attività. Il Sottosegretario Durigon, che ringraziamo per disponibilità, oggi in Commissione Finanze ha confermato l’intenzione del Governo di tener conto di queste situazioni e noi lavoreremo affinché la soluzione sia già contenuta nel testo del prossimo decreto.”