Menu
Cerca
Livorno Ferraris

Vigili del Fuoco, i sindacati chiedono certezze sul distaccamento vercellese

La questione riguarda la costruzione della nuova caserma ormai in programma da molti anni.

Vigili del Fuoco, i sindacati chiedono certezze sul distaccamento vercellese
Politica Vercellese, 20 Febbraio 2021 ore 11:38

Vigili del Fuoco, i sindacati chiedono certezze sul distaccamento Livorno Ferraris in merito alla costruzione della nuova caserma ormai in programma da molti anni.

Vigili del Fuoco, una nuova sede per il distaccamento

Il Comune di Livorno Ferraris in sinergia con i Vigili del Fuoco ha in calendario la costruzione di una nuova caserma. Una struttura che si rende necessaria per poter garantire il proseguimento dell’attività.

Le parole del sindacato

Le Organizzazioni Sindacali, in rappresentanza dei lavoratori del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Vercelli, intendono portare all’attenzione del Governo Regionale, anche in conseguenza dell’istituzione del Tavolo Permanente sul Nucleare, approfittando della sensibilità mostrata dal rappresentante territoriale del M5S Michelangelo Catricalà e dai consiglieri regionali, la situazione del distaccamento permanente di Livorno Ferraris.

Nel comunicato le Organizzazioni Sindacali spiegano:

Il distaccamento permanente di Livorno Ferraris viene istituito nel 2003 per volontà concorrente della politica territoriale e dell’Amministrazione dei Vigili del Fuoco, nella  consapevolezza delle esigenze di un territorio privo di presidi permanenti dediti al soccorso tecnico urgente. Da allora molteplici sono stati gli interventi di soccorso tecnico urgente in una zona particolarmente importante ,cuore geografico della Regione Piemonte.
Tutta la zona presenta diverse criticità legate ad una attività antropica fervente e alla vicinanza con reti infrastrutturali importanti quali lo snodo autostradale A4-A5 e la rete Ferroviaria ad Alta Velocità. Risultano critiche anche le condizioni idrogeologiche di un territorio stretto tra i bacini fluviali di Po, Dora Baltea e i Canali Cavour e De Pretis che, pur rappresentando una importante risorsa economica, sono spesso causa di eventi dannosi.
La nuova vocazione logistica della zona rende ulteriormente necessaria la presenza per interventi rapidi di personale adeguatamente formato e dotato di attrezzature specialistiche .
Il territorio e la cittadinanza che ottengono beneficio dalla presenza di tale presidio, considerato ancora recentemente indispensabile dalla Direzione Regionale Vigili del Fuoco del Piemonte, sono vasti, afferenti anche alle provincie di Torino e Alessandria, e tutelati da personale professionista in ogni momento . E proprio sottolineando il servizio su più province riteniamo necessaria l’attenzione anche dei rappresentanti politici Regionali.
Importante il fatto che il Distaccamento di Livorno Ferraris sia il più vicino presidio del Corpo Nazionale (Ente preposto dalla legge agli interventi coinvolgenti sostanza radioattive in ambito civile) al deposito temporaneo di rifiuti radioattivi di Saluggia: la definizione dei siti idonei ad ospitare il Deposito Nazionale di Rifiuti Radioattivi non cancella la presenza di questa importante struttura. Ci auguriamo che l’attenzione mostrata verso il territorio non vada diminuendo a causa di un’attesissima notizia che comunque realizzerà il suo intento in periodi medio lunghi.
In questo quadro non si può non considerare la situazione del Distaccamento, oggi ospitato in un alloggio di proprietà della Asl, soluzione che doveva essere temporanea. Infatti ormai da anni il Comune di Livorno Ferraris di concerto col Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Vercelli porta avanti il progetto di una nuova sede. Sono già stati individuati i terreni per la costruzione del nuovo distaccamento e il processo di acquisizione da parte del Demanio è in corso.
La nostra preoccupazione per la quale chiediamo attenzione da parte di tutti gli Enti del territorio, attenzione che ad onor del vero mai è stata negata, è che i tempi si prolunghino ulteriormente.
Purtroppo nonostante tutti gli sforzi messi in campo la sede presenta criticità evidenti a causa di spazi comunque limitati, non adattabili ad una sede di servizio, che impediscono , ad esempio, la possibilità di creare un’aula didattica , un laboratorio autoprotettori, una piccola palestra e un castello di manovra dove formarsi in sicurezza. Lo stesso ricovero dei mezzi e della attrezzature risulta limitato e, ad oggi, solo un mezzo antincendio di grandi dimensioni è nella disponibilità del distaccamento. Seppure a questa situazione il personale del Comando e la Dirigenza continuino a porre tutti i rimedi possibili, una accelerazione nella costruzione del distaccamento renderebbe alla cittadinanza tutta il senso di sicurezza che lo Stato e le sue Articolazioni Territoriali devono garantire soprattutto alle popolazioni che negli anni hanno accettato sui loro territori importanti e strategiche attività industriali. Si creerebbero le condizioni inoltre per avere un presidio territoriale che esprimerebbe appieno non solo l’ordinaria opera di soccorso tecnico urgente ma anche la storica
formazione specialistica in ambito CBNR presente nel Comando Provinciale di Vercelli da quando la nostra provincia era uno dei fulcri dell’industria nucleare nazionale.
Presentiamo questa nota per portare all’attenzione dei rappresentanti dei cittadini la situazione lavorativa dei Vigili assegnati ad una sede inidonea da troppo tempo temporanea e dei cittadini che meritano una struttura sul territorio rappresentativa anche simbolicamente della vicinanza dello Stato.
Chiediamo quindi ai rappresentanti politici della Regione di volere con la loro opera facilitare e accelerare per quanto di loro competenza, la costruzione del nuovo Distaccamento, certi che l’attenzione mostrata in questo incontro sia dettata dalla vicinanza alle problematiche legate alla sicurezza dei nostri concittadini in un momento storico e in una zona del nostro Piemonte così delicata.