Idee & Consigli
Sponsorizzato

Tecnocasa è alla ricerca di nuovi talenti

Mattia Pietrosino e Alessandro Tonon, i titolari della agenzie di Cigliano e Crescentino, sono a caccia di giovani risorse per ampliare gli organici

Tecnocasa è alla ricerca di nuovi talenti
Idee & Consigli 08 Aprile 2022 ore 10:31

Tecnocasa è alla ricerca di nuovi talenti! Sul nostro territorio esistono realtà perfette per chi ha voglia di fare, di imparare una professione, di mettersi alla prova e di andare oltre i propri limiti. Una di queste è proprio Tecnocasa e nello specifico il riferimento è alle agenzie di Crescentino e di Cigliano. Per l’esattezza i titolari Alessandro Tonon e Mattia Pietrosino, sono a caccia di nuovo personale da inserire all’interno del proprio organico. Dopo aver cresciuto professionalmente Matteo, Camilla, Maria, Edoardo e Marco, sono di nuovo in cerca e perciò sono pronti a ricevere i curriculum vitae di chi desidera candidarsi e a dare spazio ai giovani: l’invito è aperto a tutti, specialmente a ragazze e ragazzi con un’età che va dai 20 ai 30-35 anni, anche senza esperienza. Purché siano patentati, automuniti e in possesso di un diploma di scuola superiore. 

Tecnocasa è alla ricerca di nuovi talenti

L’area di competenza riguarderà Cigliano, Crescentino e più in generale i comuni limitrofi delle province di Torino e Vercelli. «Cerchiamo persone con entusiasmo, che abbiano voglia di crescere con noi, di fare carriera, pronte ad impegnarsi senza guardare l’orologio - hanno spiegato Alessandro Tonon e Mattia Pietrosino - la crescita sarà personale ed è per se stessi, non per altri. Una cosa è certa: con questo lavoro se si è in gamba ci sono buone opportunità di guadagno, ma ciò è ovviamente soltanto grazie a se stessi. Insomma, cerchiamo nuove risorse da formare, fra chi conosce già questo mestiere ma anche tra chi invece deve ancora farsi le ossa».

Una nuova struttura per gli immobili industriali e commerciali

C’è anche spazio per comunicare un’importante novità che riguarda i due titolari delle sedi di Crescentino e Cigliano, e che allarga ulteriormente la loro già ampia possibilità di proposte: la scorsa settimana, entrambi gli uffici hanno ottenuto un’opzione con Tecnocasa per andare ad aprire una nuova struttura, pronta ad occuparsi di intermediazione immobiliare e servizi per gli immobili industriali e commerciali. Per fare ciò serviranno anche professionisti specializzati, o pronti a specializzarsi, nella compravendita di negozi, capannoni, fabbriche e stabili industriali. Siamo ancora a livello embrionale, ma entro la fine del 2022 dovrebbe prendere vita il nuovo ufficio, la cui sede è ancora da definire sul nostro territorio.

Le testimonianze di Matteo ed Edoardo

«Amo molto quando, mentre si visiona un immobile, vedo accendersi in chi cerca casa “quella luce negli occhi”. Mi piace sapere che sto partecipando e contribuendo alla realizzazione del sogno di una famiglia». A parlare è Matteo Piras, giovane collaboratore dell’agenzia Tecnocasa di Cigliano ma con una buona dose di esperienza sulle spalle. «La passione per questo lavoro mi è stata trasmessa dal mio “tutor”, “mentore”, “migliore amico” o come preferisco definirlo io “fratello”, Mattia Pietrosino. La conferma mi è arrivata quando il mio primo cliente mi ha detto “grazie”: quella semplice parola mi ha riempito il cuore. Certo, non salviamo vite, ma aiutiamo le famiglie a cambiare la propria, a migliorarla o a farla ripartire da un nuovo inizio».

“Un ambiente dinamico e stimolante”

Sulla stessa lunghezza d’onda è Edoardo Tonon, membro dello staff dell’agenzia Tecnocasa di Crescentino e fratello minore di Alessandro, il titolare. Proprio quest’ultimo gli ha trasmesso la passione per tale lavoro: «Mi ha invogliato a seguirlo, dicendomi che avrei trovato un ambiente dinamico e motivante, dove tutti mi avrebbero aiutato - ha spiegato - e così è stato, sono stato seguito da subito da Mattia Pietrosino e per oggi è un fratello maggiore acquisito». Una professione che è a stretto contatto con le persone: «Apprezzo molto la chiarezza, oltre che l’essere diretto nel rapporto. Non voglio che ci siano malintesi e dubbi. E inoltre mi dà soddisfazione incontrare chi dopo anni mi riconosce e mi ringrazia per la compravendita fatta. Personalmente ricordo molto bene ogni singolo volto con cui ho avuto a che fare, ma soprattutto il loro sorriso a lavoro svolto».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter