Menu
Cerca
una grande sfida

C.D.Ciglianese Pall. Chivasso vince per un punto contro ZeroUno San Mauro

Si sapeva  fin dalla vigilia che sarebbe stata una gara di pallacanestro ad alta intensità e tensione.

C.D.Ciglianese Pall. Chivasso vince per un punto contro ZeroUno San Mauro
Sport Vercellese, 18 Aprile 2021 ore 14:38
Si sapeva  fin dalla vigilia che Chivasso-San Mauro sarebbe stata una gara di pallacanestro ad alta intensità e tensione perché i giocatori si conoscono da una vita.

Una sfida di pallacanestro ad alta intensità

C.D.Ciglianese Pall. Chivasso 59
ZeroUno San Mauro 58
(18-22; 27-35; 43-51)
Chivasso – M. Delli Guanti ne, S. Delli Guanti, Vai 14, Cester 9, Volpe 10, Cirla 7, Greppi, Pagetto 9, Marinacci ne, Ratto ne, Cambursano 9, Vettori 1. All. Pomelari, A.All. Bruno
San Mauro – Barberis 16, Pasotti, F. Ventricelli 2, Binovi 6, Sordella 2, Strano 5, Roncarolo 14, Barbaria 4, Aresu 3, Barraz 6. All. Iannetti, A. All. Monaco
Arbitri – Sig.ri Caneva di Collegno e Seffusatti di Rivoli
 Per molte persone è lo sport più  bello del mondo, per altre no, ma sicuramente la pallacanestro sa regalare emozioni uniche, indescrivibile, fortissime. Gioia infinita e delusione sconfortante, esaltazione e rabbia, entusiasmo e sconforto sono gli stati d’animo che si sono visti sui volti dei giocatori al momento della sirena finale del match tra C.D.Ciglianese Pall. Chivasso e ZeroUno San Mauro. Un incontro durissimo, appassionante, carico di tensioni ed emozioni, vietato ai deboli di cuore e deciso nei pochissimi secondi prima della fine della gara come testimonia il punteggio di 59-58. L’esplosione di gioia ovviamente è tutta di parte chivassese, poiché la squadra di coach Pomelari ha centrato la vittoria dopo aver inseguito per tutta la durata del match, essere precipitata a -14 ed aver risalito la china passo dopo passo fino al sorpasso a soli 6” dalla sirena.

Una grande gara, i momenti salienti

Si sapeva fin dalla vigilia che Chivasso-San Mauro sarebbe stata una gara ad alta intensità e tensione perché i giocatori si conoscono da una vita, coach Iannetti ha allenato e portato alla vittoria Vai e compagni, molti protagonisti hanno vestito entrambe le casacche. Aspetti che hanno infiammato il match con Cirla che trova immediatamente la prima tripla della serata, cui risponde Andrea Roncarolo che segna 8 punti in fila, sfruttando la sua fisicità vicino alle plance. Fisicità che premia i gialloblu, soprattutto a rimbalzo offensivo, dove Chivasso subisce, incappando anche nel problema falli di Vettori, costretto a sedersi in panca dopo soli 2’ di gioco. Falli che mandano presto in bonus San Mauro, preciso dalla lunetta e dalla distanza con due triple di Barberis che chiudono il primo quarto sul 18-22. Mentre nel primo quarto Vai e compagni trovano abbastanza agevolmente il canestro, nel secondo invece si bloccano per 7’ sbagliando sia le soluzioni dalla lunga distanza sia in avvicinamento. Gli ospiti ne approfittano per allungare sul 20-30, prima che un incisivo Volpe e la tripla di Cester mantengano Chivasso in scia (27-35 a metà gara).

Nel terzo periodo il piano gara degli ospiti di ingabbiare gli esterni chivassesi, riempiendo l’area sulle penetrazioni e pressando sul perimetro sortisce il suo effetto: le falde offensive chivassesi si inaridiscono, la difesa si sgretola e le palle perse dei biancoverdi sono capitalizzate dagli ospiti per toccare il massimo vantaggio sul 35-49. A questo punto è Volpe a suonare la carica, giocando d’esperienza vicino a canestro, incitando i compagni, segnando 3 liberi su 4 e servendo l’assista a Pagetto per il 42-49. Due perse banali però chiudono il quarto sul 43-51 esterno. Gli ultimi 10’ sono vietati ai deboli di cuore: tripla di Vai e appoggio di Volpe per il 48-51, allungo di Barberis da tre punti, jump di Cambursano, canestro e fallo di Cester per il 52-56 a -3,20”. Chivasso poi si blocca e Barraz allunga nuovamente a +6 a -1,20” dalla sirena. Pare finita, ma 2/2 ai liberi di Cirla e la tripla di Pagetto tengono viva la speranza (57-58 a -34”). Chivasso blinda il canestro ed a 6” dalla fine Vai subisce il fallo di Roncarolo che gli permette di segnare i due liberi del sorpasso. Sul ribaltamento di fronte Barberis tenta la penetrazione della vittoria, ma Cester gli sporca il tiro, prima che la stoppata di Pagetto su Strano metta la parola fine al match.