Menu
Cerca
CHIVASSO

Carnevale di Chivasso, salta anche il veglione

Il 2021 sarà orfano del celebre appuntamento al Castello per la prima apparizione pubblica di Abbà, Bela Tolera e la loro corte.

Carnevale di Chivasso, salta anche il veglione
Eventi Chivasso, 23 Gennaio 2021 ore 06:12

Un anno fa Chivasso si preparava a vivere il suo Gran Galà di Carnevale. Ovvero, il celebre veglione al Castello per la prima apparizione pubblica di Abbà, Bela Tolera e la loro corte. Quest'anno nemmeno questo appuntamento ci sarà.

Salta anche il veglione di Carnevale

Un anno fa Chivasso si preparava a vivere il suo Gran Galà di Carnevale. Ovvero, il celebre veglione al Castello per la prima apparizione pubblica di Abbà, Bela Tolera e la loro corte. Le signore e le ragazze erano già a caccia del look da sfoggiare in questa serata quasi d’altri tempi.
Ma il Covid ci ha portato via anche questo. L'Agricola infatti ha ovviamente cancellato l’evento. Impensabile in zona arancione...
Per quanto riguarda gli altri eventi, che avrebbero dovuto accompagnarci al Carnevalone, che quest’anno cade il 21 febbraio, arrivano le prime cancellazioni.
Niente proclamazione di Abbà e incoronazione di Tolera, per quest’anno restano ancora in carica quello dello scorso anno, i bravissimi Melissa Bertaina e Ugo Novo accompagnati da una corte e due paggetti spumeggianti.

Ancora in forse il Carnevalone

Non è ancora arrivato l’annuncio ufficiale dell’annullamento del Carnevalone, ma pare difficile in uno scenario simile poterlo organizzare.
La Proloco insieme all’amministrazione magari potrebbero pensare a qualcosa di alternativo.

Ci dice il presidente Davide Chiolerio: «Per ora procediamo a step. Certo il periodo è molto complicato, difficile pensare a manifestazioni che richiamino tanta gente».

Anche il sindaco Claudio Castello interviene: «Certo ci piacerebbe poter organizzare il Carnevalone che è uno degli eventi più importanti per la nostra città. Ma come amministrazione ovviamente dobbiamo prima di tutto guardare all’andamento di questa pandemia. I numeri purtroppo restano preoccupanti».

Poche speranze, quindi, che il Carnevale possa diventare realtà.