Cronaca
rondissone

Lastre di eternit pericolose, Arpa e Comune ordinano la rimozione entro novanta giorni

Dopo i controlli si un edificio industriale.

Lastre di eternit pericolose, Arpa e Comune ordinano la rimozione entro novanta giorni
Cronaca Chivasso, 17 Aprile 2021 ore 05:00

Lastre di eternit pericolose, Arpa e Comune ordinano la rimozione entro novanta giorni in un edificio industriale di Rondissone.

Lastre di eternit pericolose

E’ una questione che risale a settembre 2019, quando cioè l’Asl To4 ha ricevuto una segnalazione sulla pericolosità derivante dalla presenza di lastra in amianto in cattivo stato di conservazione poste a copertura di un capannone nell’area industriale di Rondissone.
Una vicenda che in questi mesi ha visto gli enti preposti fare il proprio iter tant’è che nel novembre scorso, l’Arpa di Torino ha svolto un sopralluogo con il personale dell’ufficio tecnico comunale.

Arpa e Comune ordinano la rimozione entro novanta giorni

E, cinque mesi dopo, cioè il 18 marzo è giunta in Municipio la relazione dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale. Nel testo, come riporta poi l’ordinanza, si legge: «L’analisi dei campioni ha confermato la presenza di amianto nei manufatti di verifiche. In considerazione di quanto osservato in sede di sopralluogo e dalle analisi effettuate, si ritiene che lo stato di conservazione dei manufatti sia in condizioni pessime e degrado avanzato con conseguente importante potenziale rilascio di fibre verso l’ambiente esterno».

A quel punto, il Comune non ha potuto far altro che pubblicare l’ordinanza che da novanta giorni di tempo ai proprietari del capannone di provvedere alla bonifica e rimozione delle lastre nonché al loro smaltimento.

«L’ordinanza, come prevede la legge, è stata pubblicata sul sito del Comune e ora il nostro agente di polizia municipale si attiverà per provvedere alla notifica dell’atto ai proprietari» ha spiegato il sindaco Antonio Magnone che sta seguendo la vicenda.

Sarà compito dell’ufficio tecnico comunale nonché del comando di polizia municipale di far osservare l’ordinanza che porta la data di sabato 10 aprile.