CIGLIANO

Raccolta rifiuti nei condomini, «La pagavano tutti i cittadini»

Il sindaco Diego Marchetti risponde ai residenti che si sono visti cancellare un servizio attivo da diversi anni.

Raccolta rifiuti nei condomini, «La pagavano tutti i cittadini»
Cronaca Vercellese, 20 Giugno 2021 ore 05:10

Raccolta rifiuti nei condomini, il sindaco Diego Marchetti risponde ai residenti che si sono visti cancellare un servizio attivo da diversi anni: «La pagavano tutti i cittadini».

Raccolta rifiuti nei condomini

Era di metà maggio la lettera del sindaco Diego Marchetti con la quale comunicava ai residenti nei condomini che dal primo giugno la raccolta dei rifiuti non sarebbe più avvenuta all’interno dei cortili, bensì gli utenti avrebbero dovuto esporre sulla strada pubblica i bidoni. Una scelta che i condomini non avevano apprezzato.
Contestazioni che però non hanno fatto invertire la rotta all’Amministrazione Marchetti dunque gli Amministratori di condominio, dopo essersi relazionati con i tecnici, hanno preso contatti e stipulato un contratto con la ditta che continuerà dunque la raccolta come in precedenza ma il costo sarà a carico dei condomini. A voler spiegare una volta per tutte quello che è accaduto è stato proprio il sindaco Diego Marchetti, firmatario della lettera che ha scatenato il caso che tiene banco ormai da un mese.

«La pagavano tutti i cittadini»

«La metodologia utilizzata in precedenza non era corretta - spiega Marchetti - perché non è corretto che la raccolta avvenga all'interno di un'area privata. Ai condomini in primis, ricordo che questo servizio è proseguito comunque per due anni dopo la nostra vittoria elettorale e che questa decisione è stata adottata quando ci siamo trovati nel dover stipulare un nuovo contratto per la raccolta visto che Energetikambiente si trova in amministrazione straordinaria, dunque come pubblica amministrazione non abbiamo potuto rinnovare con lei ma abbiamo dovuto individuare una nuova azienda. Inoltre, si tratta di una scelta per rendere i cittadini tutti uguali, non fare distinzione. Già perché il servizio di raccolta all'interno del condomini gravava sul nostro bilancio per circa 5 mila euro, somma che poi veniva spalmata sulla tassa rifiuti di tutti i ciglianesi, non solo di coloro che abitavano in condominio. Dunque tutti coloro che esponevano e che espongono ancora i loro bidoni lungo la strada, pagavano invece per far entrare gli addetti nei cortili dei condomini. Dunque non è affatto corretto che si agevoli una piccola porzione di abitanti, parliamo di una quindicina di alloggi, a discapito di tutti gli altri. Ai condomini noi abbiamo lasciato ampia libertà di scelta: se vogliono proseguire con quella tecnica, non devono far altro che stipulare un accordo con l'azienda se no faranno come tutti gli altri cittadini. Per quanto riguarda la delibera della precedente Amministrazione che aveva autorizzato il passaggio interno, in un secondo momento verrà annullata: non è obbligatorio revocarla prima del cambio di servizio. Dunque il costo della raccolta rifiuti passerà da 530 mila euro a circa 525 mila euro e con quei 5 mila euro rimborsati prevederemo di realizzare iniziative come il ritiro degli ingombranti con i cassoni, servizio che così sarà a disposizione di tutta la popolazione. E' una polemica sterile comunque, quello era un servizio che solo Cigliano aveva attivo, in nessuna altra realtà è presente. Se posso ancora dire: magari in un futuro ogni condominio avrà la sua area ecologica. Ma è un progetto a lungo termine al quale forse nessuno aveva mai pensato».