Videoslot illegali “a comando”: sanzionato un bar

Il titolare aveva un sistema di controllo a distanza delle macchinette, scoperto dai Finanziari.

Videoslot illegali “a comando”: sanzionato un bar
Chivasso, 01 Agosto 2018 ore 12:57

Videoslot illegali “a comando”: sanzionato un bar.

Videoslot illegali

Era dotato di un piccolo telecomando per controllare a distanza le videoslot in caso di controlli. Così il titolare di un locale a Brusasco , un imprenditore cinese, è finito nei guai, in seguito a un sopralluogo della Guardia di Finanza.

I controlli

L’uomo, un venticinquenne residente nel novarese, aveva installato le slot, tra l’altro totalmente illegali e perciò prive di ogni forma di controllo, in una stanza nel retro del bar. Un piccolo locale chiuso e accessibile solo ai clienti “affezionati”. L’ingegnoso sistema elettrico permetteva al titolare di spegnere immediatamente le slot, così da sembrare inattivi.
Le slot, come accertato dai Finanzieri della Compagnia di Chivasso, oltre a essere sprovviste delle autorizzazioni necessarie al fine di tutelare gli scommettitori, non erano nemmeno state collegate alla rete dei Monopoli di Stato; così facendo,
l’imprenditore riusciva a eludere tutte le imposte dovute.

Le conseguenza

Pesanti le conseguenze per il gestore del locale, sanzionato per oltre 115.000 euro. Mentre le cinque slot illegali ed i relativi incassi sono stati sequestrati. Lo stesso espediente del “telecomando a distanza“ era stato scoperto solo pochi giorni fa dai Finanzieri in un bar torinese di Corso Vercelli.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei