Menu
Cerca
Castelrosso

Focolaio Covid a Carnevale? La Pro Loco: “Era tutto consentito”

Riceviamo e pubblichiamo volentieri la lettera inviata da Livio Daniele.

Focolaio Covid a Carnevale? La Pro Loco: “Era tutto consentito”
Cultura Chivasso, 03 Aprile 2021 ore 05:58

Riceviamo e pubblichiamo volentieri la lettera inviata da Livio Daniele, presidente della Pro Loco di Castelrosso, in merito al nostro articolo relativo al boom di contagi avvenuto dopo i festeggiamenti carnevaleschi in frazione.

Focolaio Covid a Carnevale?

Riceviamo e pubblichiamo volentieri la lettera inviata da Livio Daniele, presidente della Pro Loco di Castelrosso, in merito al nostro articolo relativo al boom di contagi avvenuto dopo i festeggiamenti carnevaleschi in frazione.
Sono doverose però alcune precisazioni: la notizia, prima di tutto, per quanto «spiacevole» è vera; non abbiamo mai nominato la Pro Loco; i ristoranti erano sì aperti, ma con tavoli ben separati e non crediamo che il DPCM prevedesse la foto di gruppo in abiti carnevaleschi davanti alla torta, come facilmente verificabile sulle pagine social dell’associazione.

La Pro Loco: “Era tutto consentito”

Ecco il testo della lettera:

«Fin da piccoli ci insegnano che bisogna leggere i giornali per essere aggiornati sulle varie notizie che ci circondano.
Ovviamente quando si è giovani si crede a tutto quello che è scritto, poi piano piano uno inizia a scremare la verità dalla falsità.
Non è difficile da capire che ci stiamo riferendo all’articolo sul carnevale.
Pertanto che ci pensiamo però non riusciamo a capire se è stato scritto solo per cattiveria (e questa purtroppo è innata nell’essere umano), oppure per errate info.
Se così fosse siamo lieti di aggiornarvi.
Ricordiamo bene che il 14/2 eravamo in zona gialla. Non stiamo ad elencarvi tutto il dpcm, ma solo i punti che ci interessano.
1- Le messe erano consentite.
Se i castelrossesi vogliono andare a messa vestiti da conti e contesse anziché in borghese, dubitiamo che possa cambiare la velocità della trasmissione del virus.
2- I ristoranti erano aperti, in tutta Italia come previsto dal decreto… aperti perché la gente potesse andare a mangiare secondo le normative vigenti.
Oppure aperti per sprecare dell’elettricità?
I bar (per i fatidici aperitivi) erano aperti fino alle 18 e vale per loro lo stesso discorso dei ristoranti.
3- Dichiarare che a Castelrosso si sia sviluppato un focolaio di Covid a seguito “del carnevale” (dove appunto alcuni si sono recati a messa come tutti gli altri fedeli, con addosso un mantello anziché un cappotto, e dove alcuni sono andati a pranzo in un ristorante regolarmente aperto, come qualsiasi altro cliente lì presente e per la cronaca, non si è svolta nessuna manifestazione).
È un’affermazione pesante, che può far notizia leggendola, ma che andrebbe verificata prima di essere pubblicata anche solo con i numeri, prima ancora che scientificamente, non fosse altro per la gravità dell’affermazione stessa. Si possono contare sulle dita di una mano le persone che si sono recate a Messa con il mantello ed al ristorante come tutti gli altri clienti, e che dopo svariate settimane, quando in tutta Italia si assisteva purtroppo all’aumento dei contagi, sono diventate positive, la gente vive e lavora, e quindi rischia il contagio quotidianamente, non è uscita di casa solo il 14 febbraio. Tutti gli altri, fortunatamente, ad oggi continuano a non avere nulla. Nelle settimane successive, quando l’ondata di contagi continuava a salire, anche nella frazione di Castelrosso (che conta circa 2.400 abitanti) i casi sono saliti, ed altre persone sono risultate positive (che nemmeno lontanamente erano presenti quel giorno, pensate un po’ !). Perché allora pubblicare, a distanza di un mese mezzo, un articolo simile, riportante affermazioni così pesanti prive evidentemente di fondamenta logiche e tecniche? Adesso viene il bello!
Siete sicuri che il numero dei contagiati sia corretto?? Secondo noi sono molti di più, purtroppo!
Ma il bello è che non hanno partecipato né alla S.Messa né al pranzo!!!!!
Per ultimo punto “la spesa al mercato”: Il Signore ci ha detto “chi è senza peccato scagli la prima pietra”, dubitiamo fermamente che le persone positive girassero tranquillamente al mercato. Dimenticavamo, per le fagiolate aspettiamo il prossimo anno!».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli