politica

Elezioni 2024, RISULTATI IN DIRETTA del Chivasesse e Vercellese

Alle 14 comincia lo spoglio delle Regionali

Elezioni 2024, RISULTATI IN DIRETTA del Chivasesse e Vercellese
Pubblicato:
Aggiornato:

Come ad ogni tornata elettorale, PrimaChivasso.it vi terrà aggiornati sullo spoglio nei 20 Comuni che attendono di conoscere il nome del proprio nuovo sindaco e i volti dei Consiglieri comunali di maggioranza e minoranza.
In diretta seguiremo lo spoglio delle elezioni. Anche delle Regionali.

Diretta a partire dalle 14 di oggi, lunedì 10 giugno 2024.Tutti gli esiti e i nuovi sindaci in tempo reale!

Ultimi aggiornamenti

Rozzino c'è!

Massimo Rozzino è di nuovo sindaco. Torrazza Piemonte ha scelto ancora lui. Comincia così il suo terzo mandato alla guida del paese.

Lo spoglio è ancora in corso ma per le sfidanti Martina Gavazza e Marinella Bracco non c'è possibilità di rimonta.

Verrua Savoia, Castelli confermato sindaco

Mauro Castelli viene conferma alla guida amministrativa di Verrua Savoia.

Verrua Savoia, Castelli confermato sindaco

Mauro Castelli ha battuto il quorum ed è così confermato alla guida di Verrua Savoia. Nel caso di Castelli, come in tutti i paesi monolista, il nemico da battere era il quorum- Castelli si conferma così alla guida del suo paese per il secondo mandato consecutivo.

Brandizzo, Monica Durante è il sindaco

Monica Durante della lista Brandizzo Con è il nuovo sindaco di Brandizzo.

Brandizzo, Monica Durante è il sindaco

Monica Durante è il nuovo sindaco di Brandizzo. E' infatti la lista Brandizzo Con che aveva come candidato a sindaco Monica Durante a primeggiare tra quattro liste. Brandizzo Con ha ottenuto 1597 preferenze. Nuova Decimum invece ha ottenuto 1329 preferenze, Brandizzo Civica 963 e 218 Gli Altri.  E' stato uno scrutinio molto lungo infatti l'ultima sezione ha chiuso solo intorno alle 23 di oggi, lunedì 10 giugno 2024.

Careri è il nuovo sindaco di Montanaro

Montanaro svolta e sceglie il medico, Antonino Careri. Lui con Insieme si può governerà grazie ai 1079 elettori che lo hanno scelto.

Giovanni Ponchia, dopo due mandati da primo cittadino, dovrà sedere in opposizione perché lui, con la sua squadra, ha ottenuto 1036.

Careri e Ponchia

Verolengo sceglie l'ex sindaca Giachello

Con quasi il 39% delle preferenze Rosanna Giachello della lista "Progetto Verolengo Futura" è il nuovo primo cittadino di Verolengo.

Giachello, che era stata già sindaca dal 2014 al 2019, ha battuto con un totale di 968 voti gli altri due candidati: Daniela Caminotto e Roberto Giglia.

A Rondissone grande risultato per il sindaco uscente

I cittadini di Rondissone hanno affidato il secondo mandato al sindaco uscente Antonio Magnone con la lista "Per Rondissone" con oltre il 74% delle preferenze. Secca sconfitta per l'altro candidato, Franco Giovannini, che si ferma al 25.05%.

Caluso, bis per Maria Rosa Cena

Nel comune di Caluso, il sindaco uscente Maria Rosa Cena, centra la conferma. La candidata ha avuto la meglio contro il suo antagonista, Giuseppe Ferrero.

Bava scelto per il terzo mandato a San Sebastiano da Po

A San Sebastiano da Po il sindaco uscente Beppe Bava incassa per la terza volta la fiducia dei cittadini. La sua era l'unica lista in lizza per queste amministrative e ha superato ampiamente il quorum.

Bava si conferma un vero "veterano della politica locale": si appresta infatti a iniziare il suo terzo mandato consecutivo e a diventare sindaco per la sesta volta nella sua vita.

A Castagneto la fascia tricolore resta indosso a Borca

Castagneto Po ha scelto la continuità. A vincere la sfida elettorale è stato infatti il sindaco uscente Danilo Borca con la lista "Castagneto Possibile" che ha avuto meglio sul suo "rivale" Antonio Ceron con "Insieme per Castagneto".

Borca ha conquistato la fiducia di 688 elettori, più del doppio dei voti ottenuti da Ceron, che ne ha incassati 342.

 

A Crescentino confermato Vittorio Ferrero

Alle 19 a Crescentino, nonostante non sia ancora terminato lo spoglio, si può già matematicamente annunciare la conferma del sindaco uscente Vittorio Ferrero. Largo infatti il suo vantaggio nei seggi scrutinati.

Ferrero ha quindi avuto la meglio sull'altro candidato, Ernesto Monchetto, ex comandante della polizia locale di Crescentino

Foglizzo, terzo mandato per Gallenca

I cittadini di Foglizzo hanno riconfermato la fiducia a Fulvio Gallenca che si appresta quindi a iniziare il suo terzo mandato consecutivo alla guida del paese. Gallenca ha avuto quindi la meglio sul suo antagonista, Maycol Testa.

Candia ha riconfermato Mottino

A Candia Canavese il sindaco uscente Mario Mottino ha vinto con 5 punti di vantaggio sullo sfidante Albertino Salzone

A Cigliano ha vinto Testore

Giorgio Testore della lista "Cigliano Futura" ha battuto la concorrenza degli avversari Bruna Filippi e Diego Marchetti.

Ad avere la meglio, in maniera abbastanza importante in termini di voti, è stata quindi la lista nuova nata in alternativa all'amministrazione uscente.

IMG_8070
Foto 1 di 22
IMG_8065
Foto 2 di 22
IMG_8060
Foto 3 di 22
IMG_8057
Foto 4 di 22
IMG_8054
Foto 5 di 22
IMG_8050
Foto 6 di 22
IMG_8049
Foto 7 di 22
IMG_8045
Foto 8 di 22
IMG_8047
Foto 9 di 22
IMG_8043
Foto 10 di 22
IMG_8040
Foto 11 di 22
IMG_8037
Foto 12 di 22
IMG_8036
Foto 13 di 22
IMG_8035
Foto 14 di 22
IMG_8034
Foto 15 di 22
IMG_8033
Foto 16 di 22
IMG_8031
Foto 17 di 22
IMG_8030
Foto 18 di 22
IMG_8029
Foto 19 di 22
IMG_8028
Foto 20 di 22
IMG_8025
Foto 21 di 22
IMG_8023
Foto 22 di 22

Moncrivello ha il suo sindaco

A Moncrivello, altro comune "monolista" della nostra zona, il nuovo sindaco è Luca Lisco. Per lui, vicesindaco dell'amministrazione uscente, sono arrivati sufficienti voti validi per scongiurare il commissariamento e ottenere l'ufficialità dell'elezione alla carica di primo cittadino.

A Villareggia Salono batte il quorum e viene confermato sindaco

Il sindaco uscente di Villareggia Fabrizio Salono viene riconfermato alla carica di primo cittadino.

La sua lista, che era l'unica candidata in questa tornata elettorale, ha ottenuto il 66% dei voti, superando ampiamente il quorum necessario per evitare il commissariamento. Su 526 votanti ben 437 hanno deciso di sostenere il candidato.

Ora che lo spoglio è stato completato e si ha conferma della validità dei voti necessari per rendere valida l'elezione, la notizia è a tutti gli effetti ufficiale.

Cirio superstar a Crescentino

A Crescentino non c'è storia. La città premia il Governatore uscente.

I voti per Cirio: al seggio 2 419, al  3 396, al 4 353 e al 5 327.
Per Pentenero la situazione è un po' diversa: al seggio 2 181, al 3 166, al 4 138, al 5 134.

Il primo partito qui è Fratelli d'Italia che ha già raccolto 426 voti mentre Forza Italia 210.

Il Pd, naturalmente, è quello che raccolto più consensi nella coalizione di Pentenero con 285 preferenze.

A Lamporo vince Cirio

Chiuso l'unico seggio di Lamporo. Ecco i risultati:

  • Alberto Cirio 96 voti, 48.98%;
  • Gianna Pentenero 65 voti, 33.16%.

I voti dei partiti:

  • Fratelli d'Italia 40 voti, 23.26%;
  • Forza Italia 22 voti, 12.79%;
  • Lega 14 voti, 8.14%;
  • Lista civica Cirio 11 voti, 6.40%;
  • Noi Moderati 1 voto, 0.58%.
  • Pd 46 voti, 26,74%;
  • Alleanza Verdi e Sinistra 11 voti, 6.40%;
  • Lista civica Piemonte Ambientalista e Solidale 1 voto, 0.58%;
  • Stati Uniti d'Europa 1 voto, 0.58%.

Il primo partito a Lamporo è il Pd.

Chivasso, chiusi 4 seggi

Continua la scalata di Cirio che al momento a Chivasso è in vantaggio al 47.77%, Pentenero al 41.78%.

Primo partito ancora il PD con il 23.83% di voti, seguito da Forza Italia al 17.34 mentre FdI è al 16.23. La Lega, invece, è al 8.11%.

 

Regionali, in vantaggio Cirio

Sono poco più di 260 i seggi che in Piemonte hanno già terminato lo spoglio delle Regionali. Il Governatore uscente Alberto Cirio è in vantaggio, al momento sono 36.493 voti a suo favore, il 51.97%

Gianna Pentenero, già assessore regionale, invece ha 25.836 a suo favore, il 36.79%.

Gianna Pentenero

Ma lo spoglio è appena inizio, mancano oltre 4530 seggi. Il pomeriggio si preannuncio lungo e intenso.

Chivasso, primi due seggi chiusi

In due seggi sono terminate le operazioni di spoglio a Chivasso. Il presidente uscente Alberto Cirio è in vantaggio rispetto a Gianna Pentenero.

Cirio è al 52.79% mentre Pentenero al 37%. Il Pd, per il momento, è il primo partito con 114 voti. Subito dopo Fratelli d'Italia con 98 preferenze e Forza Italia 92.

Dove sono i rappresentanti di lista?

Dove sono i rappresentanti di lista? Questa è la domanda che ci si sta ponendo a Chivasso. Girovagando per i seggi, quello che si nota è la totale assenza dei rappresentanti, dal centro destra al centro sinistra. Nessuno. Seggi vuoti se non fosse per noi che stiamo vivendo lo spoglio.

Nei seggi di via Felice Ajma a Chivasso, oltre ai giornalisti, c'è il consigliere d'opposizione Bruno Prestia e un rappresentante del Comune.

A Castelrosso c'è Doria, candidato alle Regionali per Forza Italia - Udc.
Matteo Doria

C'è chi ha votato Berlusconi

Nonostante sia quasi passato un anno dalla morte dell'ex Premier Silvio Berlusconi (si è spento il 12 giugno del 2023 all'ospedale San Raffaele di Milano) c'è chi a Chivasso ha scelto di ricordarlo, votandolo. Il nome del leader di Forza Italia, infatti, è stato scritto su una scheda delle Regionali.

Lo spoglio delle Regionali

WhatsApp Image 2024-06-10 at 14.34.47
Foto 1 di 1

Curiosità

Alla riapertura dei seggi per le operazioni di spoglio, almeno a Chivasso, c'è stato un momento di panico. Alcune schede, votate correttamente, sembravano fossero state compilate con una biro blu. Ma, dopo un attento esame, si è compreso che alcune matite capiative utilizzate sulle schede elettorali, lasciavano questo colore blu rispetto al tradizionale grigio. Dunque tutto risolto, nessuno ha scritto sulle schede con la penna.

Clara Marta non vola in Europa

La capogruppo d'opposizione in Comune a Chivasso per FI Clara Marta non vola in Europa. Le 2.109 preferenze raccolte in questa tornata elettorale non sono sufficienti per permetterle di sedersi in Consiglio Europeo. Basti pensare che a Chivasso l'hanno votata solamente 296 persone.

Clara Marta, candidata di Forza Italia

L’exploit di Forza Italia - Moratti la più votata in tutte le regioni del nord

“Estrema soddisfazione per un risultato elettorale oltre le aspettative, sia per il partito sia personali, e un grande ringraziamento a tutti gli elettori che mi hanno votata.”

Così Letizia Moratti, neoeletta di Forza Italia-Ppe al Parlamento Europeo con circa 42mila preferenze, candidato più votato in tutte le regioni del Nord dopo il capolista Tajani, commenta l’exploit di Forza Italia.

“L’esito del voto delle elezioni europee - spiega Letizia Moratti - presenta una Forza Italia rafforzata che a livello nazionale si pone come secondo partito politico di governo e che al Nord torna protagonista. Un partito moderato nuovamente imprescindibile baricentro della politica nazionale ed europea grazie al lavoro di questi mesi del segretario nazionale Antonio Tajani, di tutta la classe dirigente e dei militanti.”

“Nelle circoscrizioni Nord Ovest e Nord Est - rimarca Moratti - Forza Italia raggiunge un importante risultato, in particolare nel cuore della locomotiva economica del Paese, in Lombardia, dove sfiora la doppia cifra, grazie soprattutto all’ottima iniziativa politica del coordinatore regionale Alessandro Sorte e della sua squadra. Rilevante anche il risultato ottenuto a Milano dove Forza Italia cresce di ben tre punti percentuali rispetto alla regionali dello scorso anno e sfiora il 9% dei consensi. Una solida base di partenza sulla quale costruire un nuovo progetto politico che riporti la città alla buona amministrazione del Centrodestra, che aveva scritto le pagine più belle con Expo e con la trasformazione innovativa e internazionale.”

Battuto il quorum

Nei Comuni, dove è presente una sola lista, il quorum del 40%+1 è stato raggiunto. Ora lo scoglio del secondo quorum perché la legge prevede "Ove sia stata ammessa e votata una sola lista, sono eletti tutti i candidati compresi nella lista e il candidato a sindaco collegato, purché essa abbia riportato un numero di voti validi non inferiore al 50 per cento dei votanti e il numero dei votanti non sia stato inferiore al 40 per cento degli elettori iscritti nelle liste elettorali del comune. Qualora non siano raggiunte tali percentuali, l'elezione è nulla. Per la determinazione del numero degli elettori iscritti nelle liste elettorali del comune non si tiene conto degli elettori iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE) che non abbiano esercitato il diritto di voto".

Seggi chiusi, ecco le affluenze

Sono sempre meno i cittadini che si recano alle urne nonostante fossero chiamati a rinnovare il Consiglio comunale ed eleggere il nuovo sindaco.

Ecco i dati delle affluenze alle 23 di ieri, domenica 9 giugno:

  • VEROLENGO: 61.74% (precedente 67,65%)
  • TORRAZZA: 61.70% (precedente 67,37%)
  • SAN SEBASTIANO DA PO: 65,07% (precedente 63.44%)
  • BROZOLO: 75.31% (precedente 80,81%)
  • BRANDIZZO: 60.91% (precedente 69,82%)
  • MAZZE': 58.80% (precedente 67,66%)
  • VISCHE: 63.52% (precedente 65.53%)
  • VILLAREGGIA: 66.08% (precedente 75.15%)
  • CALUSO: 54.61% (precedente 61.46%)
  • CANDIA CANAVESE: 65.19% (precedente 62.99%)
  • RONDISSONE: 54.44% (precedente 65.77%)
  • CIGLIANO: 54.30% (precedente 60.65%)
  • CRESCENTINO: 62.15% (precedente 68.99%)
  • MONCRIVELLO: 69.82% (precedente 74.29%)
  • MONTANARO: 60.53% (precedente 64.07%)
  • FOGLIZZO: 59.81% (precedente 65.22%)
  • CASTAGNETO PO: 66.48% (precedente 70.99%)
  • VERRUA SAVOIA: 70.72% (precedente 66.15%)
  • COCCONATO: 64.98% (precedente 72.69%)

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali